SHAOLIN QIN NA (擒拿)


Qin (擒) significa, “cattura” e Na (拿) significa “controllo.” Le due parole assieme “Qinna” si possono tradurre in: “catturare e controllare.”

Le tecniche di Qinna di Shaolin si utilizzano per neutralizzare o interrompere un attacco. Il trucco è l’effettuare una técnica senza causare un danno fisico eccessivo.

I monaci Shaolin hanno una tradizzione buddista, e rispettano le sue regole anche nelle loro tecniche difensive. Nel tempo i monaci hanno studiato molto le tecniche di difesa del Qinna, però perchè dei monaci pacifici hanno si son messi a invertiré il loro tempo nello studio di queste tecniche? Perchè così potevano neutralizzare un attacco con una combinazione di tecniche semplici, che causavano la dislocazione di un articolazione o un dolore intenso, invece di rompere un osso o ammazzarlo, credendo di dare l’oportunità all’agressore di recuperarsi físicamente e poi poter crescere spiritualmente, nella logica della filosofia buddista.

Alla fine della dinastía Qing (1644 – 1911), nel secolo XIX, le tecniche di Qinna furono insegnate alla popolazione, che praticava differenti stili di arte marziale sviluppatosi nel tempio. Il Qinna è presente in tutte le arti marziali cinesi.

Le tecniche di un arte marziale possono sembrare molto simili tra loro indipendendo dal tipo di arte marziale praticato, finalizzando spesso con lo stesso risultato.

Il qinna si realiza sviluppando un controllo e una sensibilità utile a lasciare l’agressore indifeso, però illeso.


I 5 Principi del Qinna (wuqínnáyuánzé 五 擒拿 原则)


1. La divisione del muscolo o del tendine (Fenjin 分筋)

Fen Jin utilizza due zone di attaccoe difesa “Zhua Jin” e “Na Xue.” Zhua Jin (抓紧) si applica attraverso la presa del muscolo e / o tendine, mentres che il Na Xue (捺穴) consiste nello pressionare le cavità (punti di pressione).


2. Scollocazione del osso (niugu 扭骨)

Niugu si centra nella manipolazione ossea. Il risultato è quello di scollocare o rompere l’ osso e di danneggiare le articolazioni, muscoli o tendini che lo circondano.


3. Ridurre o fermare la respirazione (bìqì 闭气)

Bi Qi sono le tecniche che portano alla riduzzione o blocco della respirane. Un esempio è un colpo forte alla cassa toracica, causando una riduzzione della frequenza respiratoria normale. Questi attacchi causano la contrazione dei muscoli sotto alle costole, intorno ai polmoni, bloccandosi per alcuni secondi.


4. Il blocco di vene o arterie (Dian Mai 点脉)

Dian Mai (conosciuto come dimmak) queste tecniche si utilizzano per interrompere la circolazione del sangue, agendo sulla funzione motoria di un arto o di tutto il corpo. Quando si utilizzano correttamente questi punti di pressione, possono aiutare nella cura del corpo, però quando si utilizzano in altre combinazioni, nella difesa per esempio, Dian Mai può causare un forte dolor fisico, inmobilizzare il corpo, la perdità dei sensi o gravi lesioni, e in rare occasioni pure la morte. Dian Mai è un arte molto pericoloso del Qin Na e solo si deve mostrare e insegnare agli allievi con una giusta morale e etica.


5. Pressionando un canale del Qi (dianxué 点穴)

Dian Xue o “pressione delle cavità”, conosciuto anche come punti di pressione, canali del Qi – nervo, vena o arteria. Questi sono i punti che diriggono il buon funzionamento del corpo,circolazione sanguinea, o il mantenimento del corpo, mente e spirito.

Sebbene i primi quattro punti sono facili da insegnare ed applicare, solo i maestri di arti marciali con un certo livello sono in grado di utilizzare correttamente le tecniche di Dian Xue.

Dian Xue non ha bisogno di molta forza fisica (jinli 劲力) al contrario dei primi quattro, però necessita l’utilizzo dell’energía personale. Questa energia che si conosce come Qi (气), l’energía vitale o forza vitale che alimenta il cuerpo, mente e lo spirito, assieme alla corretta posizione e pressione delle mani.

Chiunque può rompere un osso, dislocare un tendine, però per sottomettere l’avversario con una semplice técnica delle mani, o la combinazione di tecniche soavi, senza causare danno físico, richiede moltissimo tempo e dedizione e deve essere appreso da un maestro qualificato.


Bruno Tombolato


Copyright © 2014 Shaolin Temple Cultural Center Spain. All rights reserved.







Nel nostro Blog

Ti sembra interessante il nostro Blog?

iscriviti per rimanere sempre aggiornato sulle ultime novità