L' ORIGINE DEL SHAOLIN CHAN – ZEN GONG FU



Quando parliamo di shaolin Chan (zen) Gong Fu, stiamo parlando di uno stile unico di arti marziali che unifica il buddismo di Chan (zen) con il kung fu e in cui mente, corpo e spirito sono un'unità unica e inseparabile. Come molti di voi sanno, il buddismo di Chan è nato in Cina e il tempio di Shaolin è considerato il suo luogo di origine, anche se nella storia ci sono voluti centinaia di anni prima che Chan raggiungesse il cuore dei cinesi.


Il buddismo nel tempio di Shaolin inizia a essere trasmesso dalla sua costruzione nel 495 d.C. quando l'imperatore Xiao Wen decide di costruire il monastero per il venerabile monaco indiano Batuo che invita a guidare il tempio di Shaolin come abate. Batuo insegnò il buddismo Theravada al monastero e lo trasmise ai suoi discepoli Huiguang e Sengchou, che continuarono a trasmettere la sua saggezza nel tempio di Shaolin.


Bodhidharma arriva in Cina dall'India tra il 520 e il 527 d.C. e incontra l'imperatore Wu della dinastia Liang. Sebbene l'imperatore fosse un fervente sostenitore del buddismo, non raggiunse alcun accordo con Bodhidharma e attraversò il fiume Yangze e si stabilì su una montagna molto vicino al tempio di Shaolin. Qui si dice che abbia meditato (sviluppato un metodo di insegnamento o un modo di trasmettere la sua saggezza) per nove anni e che abbia insegnato la sua nuova dottrina a diversi discepoli, incluso Huike.


Gli insegnamenti di Bodhidharma erano basati sulla ricerca personale e lontano dal culto delle statue. Sosteneva che i sutra erano importanti nel favorire una fondazione buddista, ma era contro la loro costante recitazione, quindi ha sottolineato che sedersi di fronte al muro come metodo di autorealizzazione e ricerca spirituale.